TESTO DEL VANGELO (Mc 2,18-22)

 


I discepoli di Giovanni e i farisei stavano facendo un digiuno.
 
Vennero da lui e gli dissero: «Perché i discepoli di Giovanni e i discepoli dei farisei digiunano, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».
 
Gesù disse loro: «Possono forse digiunare gli invitati a nozze, quando lo sposo è con loro? Finché hanno lo sposo con loro, non possono digiunare. Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora, in quel giorno, digiuneranno.
 
Nessuno cuce un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio; altrimenti il rattoppo nuovo porta via qualcosa alla stoffa vecchia e lo strappo diventa peggiore.
 
E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino spaccherà gli otri, e si perdono vino e otri.
Ma vino nuovo in otri nuovi!».

 

TESTO DEL VANGELO (Lc 5,33-39)

In quel tempo, i farisei e i loro scribi dissero a Gesù: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere; così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!».
 
Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro?
Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno».
 
Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo.
 
E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti.
Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi.
Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”».

 

Omelia 2-9-2016
su 1Cor 4,1-5
prima lettura

Omelia 18-1-2016 su Mc 2,18-22
Messa mensile con la Comunità Abbà

Omelia 4-9-2015 su Salmo 99
Presentatevi a Dio con esultanza

Omelia 19-1-2015 su Eb 5,1-10

Omelia 20-1-2014 su Mc 2,18-22

Omelia 5-9-2014 su Lc 5,33-39

Omelia 17-1-2014 su Mc 2,18-22
(memoria di s.Antonio abate)