TESTO DEL VANGELO (Mt 11,25-30)


In quel tempo, Gesù disse:
 
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza.
 
Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare”.
 
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

 

La sapienza secondo Dio: essere piccoli davanti a Lui
Omelia 5-7-2020 su Mt 11,25-30
L’esempio di San Francesco d’Assisi
Omelia 4-10-2019 su Mt 11,25-30

Vivere come veri apostoli di Cristo
Omelia 4-10-2018 su Gal 6,14-18
Omelia 4-10-2017 su Gal 6,14-18
Omelia 9-7-2017 su Mt 11,25-30
Omelia 23-6-2017 su Mt 11,25-30
Omelia 29-4-2017 su 1Gv 1,5-2,2
Ciò che conta è l’essere nuova creatura
Omelia 4-10-2016 su Gal 6,14-18
Omelia 29-4-2016 su 1Gv 1,5-2,2
Memoria di San Bonaventura
Omelia 15-7-2015 su Salmo 123(124)
Omelia 29-4-2015 su Mt 11,25-30
Omelia 4-10-2014 su Mt 11,25-30
Omelia 16-7-2014 su Mt 11,25-30
Omelia 27-6-2014 su Mt 11,25-30
Omelia 29-4-2014 su Mt 11,25-30
Hai nascosto queste cose ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli
Video Omelia 4-10-2014 su Mt 11,25-30