The worth of FAIRY TALE in child development and in the fight against Cyber addiction
 

 

Il valore della FIABA nello sviluppo del bambino
e
nella lotta contro la Cyber dipendenza

 
 

Cari genitori,
 
 
oggi desidero assai brevemente darvi delle indicazioni relative all’utilità enorme della fiaba per bilanciare il pessimo uso dei media elettronici.
 
Voglio ribadire che i disturbi causati dalla cyber dipendenza sono molto vari e diversi da bambino a bambino per tanti motivi:
 
1) ogni bambino è diverso dall’altro;
 
2) ogni bambino attraversa nel corso del suo sviluppo dei periodi critici assai delicati, anche nello stesso bambino in tempi diversi;
 
3) ogni bambino nel corso della stessa giornata ha una capacità di essere influenzato diversa da momento a momento: pensate, ad esempio, quando è stanco di studiare, oppure quando ha litigato con un genitore o con il fratello od un amico, oppure quando a scuola ha subito una mortificazione o viceversa ha avuto un successo.
 
Ecco: la capacità di essere influenzato dipende moltissimo da tante e spesso innumerevoli variabili, assai difficili da definire.
 
I disturbi possono quindi essere innumerevoli e tanto per indicarne alcuni, parliamo di:
 

  • disturbi dell’apprendimento scolastico e non scolastico,

  • disturbi dell’affettività,

  • disturbi del sonno,

  • disturbi dell’appetito,

  • disturbi della sfera emotiva, e così via.

  •  

    Io vi esorto a rifletterci bene con semplicità, ma, nel contempo, con molta attenzione senza cadere in una situazione di confusione.
    Se avete delle domande da farmi, io cercherò di rispondere nel migliore dei modi pur di aiutarvi.
     
    Adesso desidero, sempre in modo conciso, accennare soltanto alla necessità di utilizzare la fiaba, anzi di riportarla alla ribalta, perché è un mezzo estremamente importante per aiutare il bambino.
     
    Grandi scienziati del cervello hanno studiato per una vita il valore della fiaba nello sviluppo mentale del bambino: Winnicott, Melania Kleyn, Renata Gaddini, Anna Freud.
     
    Nella generalità delle famiglie la fiaba è stata sostituita dalla televisione ed insieme dagli altri strumenti tecnologici cui si è fatto cenno, ma ricordiamoci che la fiaba è una forma di comunicazione verbale che innesca una elaborazione concettuale oltre che una potente, e ripeto, potente partecipazione personale del bambino alla vicenda narrata.
     
    E si badi bene: la narrazione va fatta esclusivamente dalla voce dei genitori che si devono alternare ogni sera per pochissimi minuti, diciamo circa 15 minuti, a narrare.
     
    La televisione, il tablet, etc. NON possono sostituire la fiaba.
    Nella prossima puntata vedremo il perché.
     
    Sono a disposizione per rispondere a domande e approfondimenti, e vi invito a lasciare vostri commenti, note, domande in questo blog o telefonandomi o scrivendomi nella rubrica Accompagnamento personale che trovate nella Homepage o nella sezione Contatti del sito.
     
    Cari saluti

    dr. Antonino Cumella
    (Tel 3287062713)

     

    Clicca sulle scritte ed entra nelle pagine relative



    Chi è il dr. Cumella…
    Pagina “Dinamiche Genitori-Figli”

    Pagina “Cyber dipendenza”


     

    Autore

    dr. Antonino Cumella

    Lascia un Commento

    *

    *

    code