Il martirio di padre Miguel Pro

 

Anziché scoraggiare, le foto della fucilazione di padre Miguel Pro nella Guerra Cristera messicana hanno dato più forza ai martiri.
 
La “Guerra Cristera” è stata l’eroica reazione dei cattolici messicani all’inizio del XX secolo alla brutale persecuzione anticattolica perpetrata dal Governo “rivoluzionario” e ateo del Paese.
 
Tra i grandi testimoni di fede di quell’epoca di martirio è particolarmente noto il sacerdote gesuita Miguel Agustín Pro, che venne fucilato senza processo solo per la sua fede cattolica.
 
Oltre ad assassinarlo, il Governo voleva garantire che l’esecuzione lo umiliasse e servisse a scoraggiare e a spaventare i cattolici, non aspettandosi certo che il risultato sarebbe stato esattamente il contrario:
 
“Dei martiri di quei giorni, nessuno ha richiamato tanto l’attenzione del pubblico in Messico e nel resto del mondo come il gesuita Miguel Agustín Pro. Pro venne fucilato da un plotone di fronte agli obiettivi dei giornalisti che il Governo aveva portato sul posto per registrare quello che sperava fosse lo spettacolo toccante di un sacerdote che implorava misericordia. Fu uno dei primi tentativi moderni di usare i media per manipolare l’opinione pubblica con propositi antireligiosi.
 
Anziché vacillare, però, padre Pro dimostrò grande dignità, chiedendo solo il permesso di pregare prima di morire. Dopo alcuni minuti di preghiera si alzò, allargò le braccia a formare una croce – una tradizionale posizione di preghiera messicana – e con voce ferma, con un tono né di sfida né disperato, pronunciò in modo toccante delle parole che da allora sono diventate famose: ‘Viva Cristo Re!’.
 
Lungi dall’essere un trionfo della propaganda per il Governo, le fotografie dell’esecuzione di Pro divennero oggetto di devozione cattolica in Messico e di imbarazzo per il Governo in tutto il mondo.
 
Alcuni funzionari cercarono di bloccarne la circolazione, dichiarando il semplice possesso di quelle fotografie un atto di tradimento, ma non ebbero successo” (The Catholic Martyrs of The Twentieth Century, Robert Royal, pp. 17-18). […]  
Con le braccia allargate a formare una croce, padre Pro elevò a Dio questa preghiera per i suoi aguzzini: “Mio Dio, abbi misericordia di loro. Mio Dio, benedicili. Signore, Tu sai che sono innocente. Con tutto il mio cuore perdono i miei nemici”.
 
Mentre il plotone sparava, le ultime parole di padre Pro furono estremamente toccanti: “VIVA CRISTO RE!”. Questo divenne il motto di tutti i cristeros, al punto che nelle esecuzioni successive l’esercito arrivò a tagliare la lingua dei martiri perché al momento della morte non potessero confessare Cristo a voce alta….

 

da Aleteia

PREMI QUI
per continuare a leggere il testo integrale dalla fonte