La venerabile che sgattaiolava via ogni mattina per andare a Messa: Teresa Valsé Pantellini

 

Quando gli venne chiesto quali fossero le tre virtù necessarie per la vita cristiana, Sant’Agostino replicò: “Umiltà, umiltà, umiltà”. La venerabile Teresa Valsé Pantellini lo sapeva meglio di tante persone. Pur essendo stata allevata in un un ambiente agiato ed essendo talentuosa e ben educata, scelse come motto “Decido di passare inosservata”.
 
Nata a Milano nel 1878, Teresa trascorse buona parte della sua infanzia negli alberghi di lusso che il padre possedeva in Egitto. In seguito la sua famiglia viaggiò per l’Europa, e il padre ricevette titoli onorifici da vari Capi di Stato europei. Anche se viveva nell’opulenza, i genitori insegnavano ai figli a pregare e a servire i poveri. Teresa aveva un carattere impetuoso, ma fin da piccola l’esempio dei genitori la aiutò a indirizzare la sua forte volontà verso le cose del cielo.
 
Quando aveva 12 anni il padre morì. La madre decise allora di trasferirsi a Roma con i tre figli. Nel corso degli anni, Teresa divenne una giovane donna molto raffinata e una notevole pianista che parlava in modo eccellente francese e tedesco.
 
Se il mondo nutriva grande ammirazione per la giovane Teresa, il suo cuore era concentrato sul Signore. La sua vita pubblica poteva sembrare frivola, ma in privato Teresa faceva sacrificio dopo sacrificio per diventare sempre più simile a Cristo. “Dio ci chiede di mortificarci nelle piccole cose piuttosto che in quelle grandi”, diceva, “perché le grandi occasioni sono rare, mentre quelle piccole si presentano continuamente”.
 
Teresa sgattaiolava via di casa per andare a Messa ogni mattina, tornando prima che i suoi familiari si alzassero. Quando sua madre insisteva perché andasse a teatro, Teresa nascondeva un libro devozionale nel programma e rimaneva in meditazione per tutta la durata dello spettacolo. Il giorno della sua Prima Comunione, Teresa sentì la chiamata ad aderire alla vita religiosa. Dopo la morte della madre, quando aveva 21 anni, decise di “offrirmi irrevocabilmente al Signore per l’educazione delle ragazze delle famiglie povere”.
 
Realizzò il suo desiderio a 22 anni, entrando tra le suore salesiane. I Salesiani, però, erano un ordine rigido, che lavorava con i bambini più difficili e viveva in condizioni di massima penitenza. Il superiore era scettico sul fatto che qualcuno che aveva vissuto in modo agiato come Teresa potesse sopravvivere a uno stile di vita simile e la mandò via, incoraggiandola a sposarsi. Ma lei tornò. Il superiore le disse di entrare in un altro ordine la cui vita non fosse così dura, ma Teresa rifiutò. La mandò a vedere come vivevano le suore salesiane, certo che avrebbe rinunciato, ma lei tornò ancora una volta. Finalmente convinto, padre Marenco iniziò a vedere che Teresa non solo aveva la vocazione, ma ne aveva anche una fuori dal comune….
da Aleteia

 

PREMI QUI
per leggere il testo integrale dalla fonte