”Quanto ho pianto al sentire gli inni e i canti in tuo onore…”

 
 


Carissimi amici e fedeli,
 
ho ancora nel cuore e nelle orecchie le bellissime e straordinarie parole di Sant’Agostino offerte dalla liturgia di ieri:
 
“Quanto ho pianto al sentire gli inni e i canti in tuo onore, vivamente commosso dalle voci della tua chiesa, che cantava dolcemente!
 
Quelle voci vibravano nelle mie orecchie e la verità calava nel mio cuore e tutto si trasformava in sentimento di amore e mi procurava tanta gioia da farmi sciogliere in lacrime”.

 
Sono le parole della sua personale testimonianza, non sono solo una composizione poetica.
 
Sant’Agostino ha vissuto per davvero quello che descrive; lo so con certezza perché anche io ho vissuto una simile esperienza.
 
Potrebbero essere le mie personali parole.
Non cambierebbe nulla della descrizione.
 
La mia vocazione è nata così, la prima volta che ho sentito cantare i salmi mi sono sciolto in lacrime e ho cominciato a intravvedere la mia strada.
 
Ho scritto questo post per dare testimonianza a Dio di quanto è capace di operare a prescindere dal tempo e dallo spazio.
Sono convinto che molte altre persone hanno vissuto questa esperienza, anzi che Dio vorrebbe donarla a tutti.
 
E allora cerchiamola!
 
Cerchiamo Lui, la Sua grazia e il Suo aiuto, e certamente saremo inondati dal Suo amore.
 
Dio vi benedica,
 

fra Giuseppe Paparone o.p.