Biagio Conte, missionario laico, dopo essersi bagnato ha ripreso a camminare: “Se il Signore adesso mi chiede di più lo faccio volentieri ”

 

MICHELANGELO NASCA PALERMO
 
da La Stampa del 23 gennaio 2014

 
 


Si è recato a Lourdes con la sedia a rotelle e al termine del suo pellegrinaggio – dopo essersi bagnato nelle vasche del Santuario – ha ripreso a camminare con i propri piedi. E’ quanto accaduto a Biagio Conte, il missionario laico e cittadino palermitano che da oltre vent’anni si prende cura di moltissimi extracomunitari, poveri e senzatetto.
 
E’ l’Arcidiocesi di Palermo a darne ufficialmente la notizia in un comunicato stampa. La conferma dell’inspiegabile guarigione arriva dallo stesso missionario laico fondatore della missione “Speranza e carità” distinta in tre comunità: due destinate all’accoglienza maschile e una per l’accoglienza di donne singole o mamme con bambini, per un totale di quasi un migliaio di immigrati, poveri, senzatetto ed ex tossicodipendenti.
 
“Per me è stata una grazia inaspettata – afferma fratel Biagio – che ho ricevuto dal buon Dio che ha incaricato la sua madre Maria. Io ho sempre avuto a cuore la Vergine, ma non mi ero mai recato nel santuario di Lourdes, un viaggio che è stato possibile grazie all’Unitalsi che mi ha invitato insieme ai malati”.

 
“Dopo il bagno in piscina non ho sentito più il bisogno della sedia a rotelle… Se il Signore adesso mi chiede di più lo faccio volentieri e con tutto il cuore – conclude Biagio Conte – a vantaggio degli ultimi.
 
E’ questo infatti quello che tutti siamo chiamati a fare in un momento così difficile per la nostra società fortemente in crisi.
 
La nostra risposta deve essere quella di andare incontro agli ammalati, ai poveri, ai bisognosi, ai disabili e agli anziani. Soltanto così potremo dare una risposta a ciò che Dio chiede d ogni uomo”.
 

PREMI QUI
per leggere il testo integrale da La Stampa


 

Clicca
per leggere “Lourdes, riconosciuto il 69esimo miracolo: donna italiana guarisce da un tumore”


 

Clicca
per leggere Medico di fama mondiale, premio Nobel, agnostico: “I miracoli di Lourdes sono inspiegabili”